Chiarelli: «Deluso dall’atteggiamento della squadra. Niente alibi, ora tutti sotto esame»

Firenze, 7 ottobre 2018 – Le parole del ds Niccolò Chiarelli al termine della gara contro il Foiano: «Purtroppo siamo a commentare un’ennesima sconfitta. Al di là del risultato negativo, l’aspetto più preoccupante è l’atteggiamento della squadra, che alle prime difficoltà si abbatte e non riesce a venire fuori. Nel primo tempo abbiamo creato tanto ma non siamo riusciti a concretizzare, nel secondo tempo alla prima occasione siamo andati sotto, siamo riusciti a pareggiare, ma poi ci siamo rifatti gol praticamente da soli. Questa è la partita in sintesi. Tradotto: servono più attenzione, una diversa attitudine, la voglia di mettersi a disposizione del compagno. La sosta aiuterà il nuovo allenatore a provare nuove soluzioni, a lavorare sul gruppo. Ma non è un problema di allenamenti, durante la settimana i ragazzi hanno sempre lavorato bene, senza risparmiarsi. Qua il problema di attenzione e voglia durante la gara. Voglio dirlo chiaramente: basta alibi, da questo momento ognuno si deve assumere le proprie responsabilità, siamo la seconda società di Firenze e ai ragazzi non manca niente. Quello che poteva fare, la società l’ha fatto. Questa è una squadra che come potenziale non vale gli attuali 0 punti, ma che invece come prestazioni continua a dimostrare di valere 0 punti. Voglio vedere il carattere, la voglia di riscatto. Qua ci sono ragazzi con trascorsi importanti, che devono dimostrare che se sono qua è perché qualcuno nelle categorie superiori ha sbagliato a non prenderli o a non confermarli. Giocatori che con le loro prestazioni invece oggi sono in fondo alla classifica di Eccellenza. L’allenatore? Con mister Calderini c’è piena sintonia, è venuto al Porta Romana con entusiasmo e umiltà, si è messo a disposizione, è dedito alla causa. Ovviamente non è in discussione, semmai qualcuno dovesse scriverlo. Abbiamo dovuto cambiare guida tecnica per problemi personali di Gelli, ma nel passaggio da Gelli a Calderini per adesso le cose non sono cambiate, il prossimo passo se le cose non cambiano sarà cambiare parte dei giocatori. Sono tutti sotto esame, da qua a novembre, se non prima, valuteremo tante cose. Evidentemente anch’io ho fatto degli errori nel non riuscire a trasmettere pienamente lo spirito di questa società ai giocatori. Ho creduto negli uomini prima che nei giocatori, ma per il momento non sono stato ripagato…»

Share on Facebook10Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page