Torna ‘Un calcio alla violenza sulle donne’, allo stadio Bozzi la partita tra metalmeccanici e Fiorentina Women’s a sostegno di Artemisia

Firenze, 6 giugno 2018 – Torna la partita fra metalmeccanici e campionesse della Fiorentina Women’s per dire no alla violenza sulle donne e sostenere l’associazione Artemisia. È ‘Un calcio alla violenza sulle donne’, l’iniziativa promossa per il secondo anno consecutivo dalle organizzazioni territoriali dei metalmeccanici Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm Uil e dalla sezione Metalmeccanica di Confindustria Firenze per offrire il contributo di una categoria composta prevalentemente da uomini alla battaglia contro la violenza di genere. L’appuntamento, in programma martedì 12 giugno alle 20:30 allo stadio Gino Bozzi, è stato presentato oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore allo Sport Andrea Vannucci.

“Lo sport a sostegno di una sfida culturale – ha detto l’assessore Vannucci – Un modo per sensibilizzare attraverso lo sport su un tema imprescindibile come quello della lotta alla violenza sulle donne. Lo facciamo per il secondo anno consecutivo insieme alle organizzazioni territoriali dei metalmeccanici, a Confindustria e alla Fiorentina Women’s per sostenere Artemisia in prima linea su un tema che ci riguarda tutti”.

A scendere in campo saranno le campionesse della Fiorentina Women’s contro una delegazione metalmeccanica composta da lavoratori, rappresentanti sindacali e istituzionali. L’ingresso alla partita, organizzata in collaborazione con Fiorentina Women’s, Porta Romana e assessorato allo Sport del Comune di Firenze, ha un costo simbolico di 5 euro e il ricavato sarà destinato ad Artemisia. L’evento è patrocinato dalla Regione Toscana, dalla Città Metropolitana, dal Comune di Firenze e dall’associazione nazionale degli Allenatori di calcio. Media partner dell’evento sarà Rtv38. I biglietti sono acquistabili in prevendita presso tutte le associazioni promotrici o direttamente allo stadio prima dell’evento.

Fonte: Comune di Firenze

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page